Marcello Mastroianni, La Dolce Vita and much more at Cinema Italia SF this September

Marcello Mastroianni and Anita Ekberg in an iconic scene of La Dolce Vita

When he entered the legendary gates of Cinecittà for the first time, Marcello Mastroianni was only 11. Nevertheless, his entire life as an actor was intense. He spent many years as a theater protagonist playing legendary and memorable dramas. Then, he spent the rest of his life building a vast filmography, being part of more than 170 films, many of which are well known masterpieces, true milestones in the history of worldwide cinema. 

Marcello Mastroianni and five of his most iconic movies are coming to San Francisco in September, thanks to Cinema Italia SF. Following Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Vittorio De Sica, Anna Magnani, Dino Risi, Lina Wertmüller, and Michelangelo Antonioni, the program is now at its eighth series and wants to pay an overdue homage to a great star, 60 years after the making of La Dolce Vita.

We talked to Amelia Antonucci, the Program Director, whose passion for Italian cinema has turned into something more than  a simple showcase for Italian movies. 

Program Director Amelia Antonucci has been leading of Cinema Italia SF for the 8th edition in a row. Photo: Flavia Loreto Fotografia

Amelia, it’s not the first time you bring Mastroianni to San Francisco. What’s different, 18 years later?
I had the honor and the pleasure to present a more extensive retrospective of Marcello Mastroianni’s  in 2000, while serving as Director of the Italian Cultural Institute of San Francisco. The retrospective was organized by Marcello’s wife, Anna Maria Tatò, and named The Stuff that Dreams Are Made of. That recalled a sentence to which Marcello himself referred to during a long interview regarding the movie I Remember, Yes I Remember. Eighteen years ago, after the event in New York, twenty-two movies were presented in San Francisco, thanks to a wide collaboration between Cinecittà International, the Istituto Italiano di Cultura, the Pacific Film Archive, and the San Francisco Film Society. By working together, the impact was great, so were the press coverage and the involvement of important local sponsors like Armani and Bulgari. 

Why is Mastroianni so important for Italian cinema?
Mastroianni represents the man that everybody wanted to be, the latin lover with a baby’s smile who seduces the best actresses with a special ingenious flair. Mastroianni thought that being an actor is like creating Chinese shadows. Richard Peña, the curator of the retrospective and also director - at the time - of the Lincoln Center Film Society, wanted to honor this idea taking the wording from The Tempest, Act IV: “Actors…? We are such stuff as dreams are made of.” He was an actor in the real sense of the word, going deep in each character and transforming himself when directed by different people. 

Program Director Amelia Antonucci and Festival Advisor Sophoan Sorn. Photo: Flavia Loreto Fotografia

What made you decide to choose Mastroianni’s movies for this second yearly edition of Cinema Italia? 
Last Spring, the wide success of Antonioni’s series made us proud and excited, indeed almost 2000 people attended the screening in one single day. We decided to work on the fall program on our own, as we did last year when we brought the Lina Wertmüller program to the Castro Theatre. This time, we have found most of the movies in the US (both in 35mm and restored digital copies). The only one we imported from Luce Cinecittà is A Special Day, in 35mm. 

What’s the goal of this program?
We want to show all the ways Mastroianni was directed by different directors. This allows to show his incredible acting skills: a playboy, yet not a macho, he was in fact a man who made a case for the very deconstruction of machismo. When wearing elegant suits and his inseparable Persol sunglasses, he fascinates the audience, even when he finds himself in embarrassing and unusual situations.

Marcello Mastroianni and Anita Ekberg in an iconic scene of La Dolce Vita

Mastroianni is an icon well known abroad and should be easy to bring people to the Castro theatre...
I really hope so. We are trying to keep the standard of the previous programs and I don’t want to disappoint our audience. Not only did I chose five movies that won the Academy Awards, the Palm d’Or, and other international prizes, but I also wanted to show the audience the hands that  forged him: De Sica, Fellini, Scola, and Germi. Those four movie directors gave Marcello four different faces and four unforgettable characters. 

Amelia, what’s your expectation for this year’s program?
I always panic before each program and my partner Sophoan Sorn tries to reassure me. “Everything will be fine,” he tells me. So, I don’t have any particular expectation this time, neither. As a Neapolitan, I am a bit superstitious but, at the same time, I would like to see this program succeed and gain a wider audience compared to the last one. On the other hand, I am sure our viewers will be happy to know that we found the black TR3 car that Marcello was driving in La Dolce Vita in Palo Alto, and it will be in front of the theater for the entire day of the program.

Why are you so attached to Mastroianni and his movies?
Marcello Mastroianni’s movies were and are just part of my life. As child and a teenager, I was nurtured by cinematography, as much as he was. I would go to the theatre almost every night. Marcello’s movies and his characters were my friends, as well as a way to learn about society and about a world, which used to be, especially for those living in small towns around Italy, way too far. Mastroianni was not as unreachable as Clark Gable, Gary Cooper, or Gregory Peck, he was the man next door, a Latin lover with a beautiful, dangerous smile. 

Any final thoughts on why everybody should watch Mastroianni’s movies at least once in a lifetime?
The movies we chose are five wonderful mirrors of Italian society of that time. The characters played by Marcello Mastroianni have become eternal. Many American movie directors, just think of Martin Scorsese and Francis Ford Coppola, have studied these movies and tried to get some inspiration for their own. La Dolce Vita is a masterpiece, so is 8½: watching the two movies on a big screen is a dream coming true. Yesterday Today and Tomorrow, a three-episode comedy by De Sica, is a gem and A special Day and Divorce Italian Style are two films at the highest level of cinematography, the best made by Ettore Scola and Pietro Germi. There is only one Marcello in the world of cinema. And it’s Marcello Mastroianni.

“The Latin lover, the quintessential continental man, the world-weary Don Giovanni: for over five decades Marcello Mastroianni epitomized and complicated onscreen masculinity, and remains a key symbol of postwar Italian cinema,” the Film Society of Lincoln Center wrote about Mastroianni.

If you want to experience Italian cinema at its best, join Cinema Italia at the Castro Theatre on September 22nd. In this second event in 2018, Cinema Italia SF is working independently and thanks to the support of the Italian Cultural Institute, the Italian Consulate General, and The Leonardo da Vinci Society. Few and dedicated sponsors are making the “dream” happen again, Maria Manetti Shrem & John Shrem; Della Toffola; John and Karen Diefenbach; and the Italian Homemade Co. alongside the long-standing sponsors C’era Una Volta, Italfood, and Il Gattopardo.
 

Quando varcò i leggendari cancelli di Cinecittà per la prima volta, Marcello Mastroianni aveva soltanto 11 anni. Eppure tutta la sua vita da attore è stata intensa. Per molti anni è stato attore protagonista che ha interpretato drammi leggendari e memorabili. Poi ha passato il resto della sua vita a costruire una vasta filmografia, partecipando a più di 170 film, molti dei quali sono noti capolavori, vere e proprie pietre miliari della storia del cinema mondiale. Marcello Mastroianni e cinque dei suoi film più iconici saranno a San Francisco a settembre, grazie a Cinema Italia SF. Dopo Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Vittorio De Sica, Anna Magnani, Dino Risi, Lina Wertmüller, e Michelangelo Antonioni, il programma è giunto alla sua ottava edizione e intende rendere un omaggio che andava fatto da tempo ad una grande stella, a 60 anni dalla realizzazione de La Dolce Vita. 

Abbiamo parlato con Amelia Antonucci, la direttrice del programma, la cui passione per il cinema italiano si è trasformata in qualcosa che è più di una semplice vetrina per i film italiani.

Amelia, non è la prima volta che porta Mastroianni a San Francisco. Cosa c’è di diverso, 18 anni dopo? 
Ho avuto l’onore e il piacere di presentare una più ampia retrospettiva su Marcello Mastroianni nel 2000, quando ero direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di San Francisco. La retrospettiva era organizzata dalla moglie di Marcello, Anna Maria Tatò, e intitolata La materia si cui sono fatti i sogni. Richiamava una frase detta dallo stesso Marcello durante una lunga intervista per il film Mi ricordo, sì, io mi ricordo. Diciotto anni fa, dopo l’evento di New York, ventidue film furono presentati a San Francisco, grazie ad una vasta collaborazione tra Cinecittà Internazionale, l’Istituto Italiano di Cultura, il Pacific Film Archive e il San Francisco Film Society. Lavorando insieme, l’impatto è stato grande, così come la copertura della stampa e il coinvolgimento di importanti sponsor locali come Armani e Bulgari.

Perché Mastroianni è così importante per il cinema italiano? 
Mastroianni rappresenta l’uomo che tutti vorrebbero essere, il latin lover con il sorriso di un bambino che seduce le migliori attrici con uno stile ingegnoso e speciale. Mastroianni pensava che essere un attore fosse come creare ombre cinesi. Richard Peña, il curatore della retrospettiva e anche direttore – all’epoca - del Lincoln Center Film Society, ha voluto omaggiare questa idea citando La Tempesta, Atto IV: “Attori ...? Siamo fatti della materia di cui sono fatti i sogni”. “Era un attore nel vero senso della parola, andava in profondità in ogni personaggio e si trasformava quando era diretto da persone diverse. 

Cosa le ha fatto decidere di scegliere i film di Mastroianni per questa seconda edizione annuale di Cinema Italia?
La scorsa primavera, l’ampio successo della rassegna su Antonioni ci ha resi orgogliosi ed entusiasti. In effetti, quasi 2000 persone hanno partecipato alle proiezioni in un solo giorno. Abbiamo deciso di lavorare da soli al programma autunnale, come abbiamo fatto l’anno scorso quando abbiamo portato il programma su Lina Wertmüller al Castro Theatre. Questa volta, abbiamo trovato la maggior parte dei film negli Stati Uniti (sia in 35mm che in copie digitali restaurate). L’unico che abbiamo portato da Luce Cinecitta è Un giorno speciale, in 35mm. 

Qual è l’obiettivo di questo programma? 
Vogliamo mostrare tutti i modi in cui Mastroianni è stato diretto da diversi registi. Questo permette di mostrare le sue incredibili capacità di recitazione: un playboy, ma non un macho, che era in realtà un uomo che ha fatto da modello per la decostruzione del machismo. Indossando abiti eleganti e gli inseparabili occhiali da sole Persol, affascinava il pubblico, anche quando si trovava in situazioni imbarazzanti e inusuali.

Mastroianni è un’icona ben nota all’estero e dovrebbe essere facile portare gente al Castro Theatre...
Lo spero davvero. Stiamo cercando di mantenere gli standard raggiunti con le edizioni precedenti e non voglio deludere il nostro pubblico. Non solo ho scelto cinque film che hanno vinto l’Academy Awards, la Palma d’Oro e altri premi internazionali, ma ho voluto mostrare al pubblico le mani che lo hanno forgiato: De Sica, Fellini, Scola, e Germi. Quei quattro registi hanno dato a Marcello quattro volti diversi e quattro personaggi indimenticabili. 

Amelia, quali sono le aspettative per il programma di quest’anno? 
Sono sempre in ansia prima di ogni rassegna e il mio compagno Sophoan Sorn cerca di rassicurarmi. “Andrà tutto bene,” mi dice. Non ho aspettative particolari questa volta. Da napoletana sono un po’ superstiziosa ma, allo stesso tempo, mi piacerebbe vedere questo programma avere successo e conquistare un pubblico più ampio rispetto all’ultima volta. D’altra parte, sono sicura che i nostri spettatori saranno felici di sapere che abbiamo trovato l’auto TR3 nera che Marcello guidava in La Dolce Vita a Palo Alto, e sarà di fronte al teatro per l’intera giornata del programma. 

Perché è legata a Mastroianni e ai suoi film? 
I film di Marcello Mastroianni sono stati e sono parte della mia vita. Da bambina e da adolescente, mi sono nutrita di cinema tanto quanto lui. Andavo a teatro quasi ogni sera. I film di Marcello e i suoi personaggi erano miei amici, oltre a essere un modo per conoscere la società e un mondo che era, soprattutto per coloro che vivevano nelle piccole città in giro per l’Italia, molto lontano. Mastroianni non era irraggiungibile come Clark Gable, Gary Cooper o Gregory Peck, era l’uomo della porta accanto, un latin lover con un sorriso bellissimo e pericoloso.

Qualche pensiero finale sul perché si dovrebbero vedere i film di Mastroianni almeno una volta nella vita? 
I film che abbiamo scelto sono cinque meravigliosi specchi della società italiana di quel tempo. I personaggi interpretati da Marcello Mastroianni sono diventati eterni. Molti registi americani, basti pensare a Martin Scorsese e Francis Ford Coppola, hanno studiato questi film e si sono ispirati ad essi. La Dolce Vita è un capolavoro, come lo è 8½: guardare i due film su un grande schermo è un sogno che diventa realtà. Ieri, Oggi e Domani, commedia in tre parti di De Sica, è un gioiello, e Una giornata particolare e Divorzio all’italiana sono due film che sono il massimo della cinematografia, i migliori di Ettore Scola e Pietro Germi. C’è solo un Marcello nel mondo del cinema. Ed è Marcello Mastroianni. 

“Il latin lover, l’uomo europeo per eccellenza, il Don Giovanni stanco del mondo: per oltre cinque decenni Marcello Mastroianni ha sintetizzato e interpretato la mascolinità sullo schermo, e rimane un simbolo chiave del cinema italiano del dopoguerra” ha scritto il Film Society of Lincoln Center su Mastroianni.

Se volete vivere il top del cinema italiano, partecipate a Cinema Italia al Castro Theatre il 22 settembre. In questo secondo evento nel 2018, Cinema Italia SF lavora in modo indipendente e grazie al sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura, del Consolato Generale d’Italia e della Società Leonardo da Vinci. Pochi e dedicati sponsor stanno rendendo di nuovo possibile il “sogno”: Maria Manetti Shrem e John Shrem; Della Toffola; John e Karen Diefenbach; e la Italian Homemade Co. accanto agli sponsor di lunga data C’era Una Volta, Italfood e Il Gattopardo.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Sant’Eustachio: Pasquino hunts for coffee

Outside Caffé Sant’Eustachio students and cabbies, bankers and brokers, pundits and senators sip espresso and mock the news. Starbucks, the US coffee...

San Leo: soaring fortress, a soothsayer and a saint

Rimini has attracted a crowd in August since time immemorial. The internationally renowned summer holiday destination on la Riviera Romagnola is...

Cinema in Venice: why is the Festival del Cinema di Venezia so different?

When summer passes the torch of seasons to fall and people start getting back into their routines after weeks at the beach, Italy enjoys one last...

Finally… the fall: a trip through Italy, following autumnal traditions

It’s only the 2nd of September, today, yet the sounds and scents of summer seem far. The weather has been helping to get into the mood, treating us...

Mystical allure of scenic Scanno

A slice of paradise was created by a landslide at Mt. Rava a thousand years ago, forming Lake Scanno, a heart-shaped mountain lake 1,050 meters above...

Weekly in Italian

Recent Issues